domenica 11 gennaio 2015

La torta di Goethe

Nel libro "Viaggio in Italia" Goethe  descrive il nostro paese. Questo dolce è un omaggio all'artista creato dai Fratelli Nascetti, titolari dell'omonima Pasticcieria, sita in Laiano provincia di Bologna, paese in cui il Sommo soggiornò durante il suo viaggio italiano durato dal 1786 al 1788.
"Gli Appennini sono per me un pezzo meraviglioso del creato". J.W.Goethe

La ricetta ricorda alla lontana la cassata siciliana, con le mandorle, lo zucchero, i canditi e il cioccolato, racchiusi però in un impasto di meringa che dà una consistenza interessante al ripieno.

Ingredienti per una tortiera di circa 24 cm di diametro

impasto della crostata:
250 g di farina 00
120 g zucchero semolato
1 torlo di uovo grande
45 g di burro
60 g di strutto
mezza bustina di lievito per dolci (circa 8 g)
1 pizzico  di sale

ripieno:
l'albume avanzato dell'uovo
150 g di zucchero
100 g di mandorle tritate grossolanamente
200 g di macedonia di canditi
100 g di cioccolato fondente tritato grossolanamente


preparare la pasta frolla facendo la fontana nella farina e inserendo il burro a pezzi, lo strutto, il sale, lo zucchero e sabbiando il tutto. Aggiungere poi l'uovo e il lievito e impastare brevemente. Mettere in frigorifero avvolto nella pellicola per circa un'ora




MOntare a neve la chiara d'uovo, aggiungendo in più riprese lo zucchero fino ad avere una meringa.
Unire gli ingredienti del ripieno e mescolare in modo che si rivestano della meringa.



Prendere la pasta frolla, lavorarla ancora in modo che diventi liscia e ben amalgamata e stenderla col mattarello allo spessore di mezzo cm. Foderare una teglia da crostata rivestita di carta forno e stendervi sopra il ripieno



con i ritagli creare dei rombi e decorare la superficie
Porre in forno VENTILATO a 180°C e lasciar cuocere per circa 40 minuti
servire fredda



Nessun commento:

Posta un commento